ARTE ASTRATTA. UNA STORIA GLOBALE. EDIZ.

75.00

Autore: KARMEL PEPE
Editore: EINAUDI
Collana: GRANDI OPERE
ISBN: 9788806246822
Pubblicazione: 12/01/2021

Disponibile su ordinazione

COD: 9788806246822 Categorie: ,

Descrizione

L’arte astratta affonda le sue radici nell’esperienza del mondo reale: questo l’assunto dello storico dell’arte Pepe Karmel in questa innovativa ricostruzione delle origini e dell’intera evoluzione dell’arte astratta. Gli studi tradizionali si sono sempre concentrati sulle mutazioni formali, dove l’astrazione è processo estremo dei vari «ismi», si sono interessati pochissimo delle molteplici connessioni di quest’arte con la realtà, e hanno infine dato rilievo solo all’opera di artisti maschi bianchi, europei o statunitensi. Karmel evita di concentrarsi in modo esclusivo sulle personalità e i movimenti abitualmente associati con l’astrattismo, e dimostra come anche le donne e gli artisti di colore, di ogni parte del mondo, abbiano fatto ricorso a immagini astratte per esprimere le proprie esperienze personali e trovare risposte ai mutamenti sociali, politici e culturali. Pur partendo dal lavoro dei pionieri dell’astrattismo, il libro rinuncia a una convenzionale struttura cronologica, e individua piuttosto cinque categorie tematiche: corpi, paesaggi, cosmologie, architetture, segni e motivi, suddivise a loro volta in sezioni: macchine, fluidi, onde, orbite, decorazioni, finestre, calligrafie. Ogni sezione è composta da un’ampia introduzione che ripercorre la transizione del tema dalla figurazione all’astrazione precisandone il contesto storico, seguita da letture ravvicinate di singole opere, messe a confronto per svelare sorprendenti affinità o significative differenze. Un libro che propone nuovi modi di guardare all’arte astratta, dando forma a un universo più ampio e meno convenzionale di artisti: da Vasilij Kandinskij e Piet Mondrian a Ibrahim El-Salahi, da Francis Picabia e Paul Klee a Norman Lewis, da Carlos Cruz-Diez a Bridget Riley, da Anni Albers a Sean Scully, da Julie Mehretu a Wu Guanzhong.